Lo sharenting: cos’è e quali sono i rischi

Condividi:

Lo sharenting è un fenomeno negli anni sempre più presente e ha a che fare con l’eccessiva disinvoltura con la quale utilizziamo i social media, Facebook e Instagram primi tra tutti.

Sharenting, un neologismo anglosassone per i genitori

Gli inglesi o – meglio – gli americani, sono bravi nel cogliere prima di noi i nuovi fenomeni della società e nel dargli un etichetta precisa: ecco quindi che “share” (condividere) si fonde con “parenting” (l’essere genitori).

Cos’è lo sharenting?

Questo neologismo identifica la tendenza a ipercondividere su Facebook & C. tutto ciò che riguarda i propri figli e l’essere genitori: dall’allattamento, alla prima vacanza, all’uscita dall’asilo, all’abitino cool che sta così bene indossato a nostro figlio, alla dolcezza del pisolino.

Una tendenza che riguarda più i genitori “giovani”

Ma questo trend riguarda tutti i neopapà e le neomamme? Non proprio, perché i genitori più grandi di età e cresciuti senza social mostrano un po’ di “voglia di privacy” rispetto ai genitori più giovani e al primo figlio. Un po’ perché in generale già tendono a pubblicare per lo più opinioni e non foto personali (di vacanze, ecc…), un po’ perché soprattutto se al secondo figlio tendono a essere più concreti perché presi a gestire ben due piccoli terremoti.

I numeri (e non solo…) dello sharenting

Abbiamo numeri non italiani ma inglesi, precisamente della Parent Zone, associazione che ha misurato l’esposizione online dei bambini: mediamente un bimbo in un anno appare in 195 foto pubblicate dai propri genitori, entro i 5 anni saranno 1.000 gli scatti che lo ritrarranno.

Ti sta piacendo l’articolo? Iscriviti alla newsletter di Noi Sicurezza per ricevere altri consigli interessanti sulla sicurezza! (promettiamo di non essere troppo invadenti 😉 Buona continuazione di lettura!

Un altro studio, americano (AVG), evidenzia che ben il 92% dei bambini americani di 2 anni ha – tramite i propri genitori – una presenza social.

In qualche caso sono star già prima di nascere, per via di ecografie condivise – a volte anche in diretta.

I rischi dell’ipercondivisione

Purtroppo il rischio maggiore non è quello di essere denunciati dai figli diventati maggiorenni (come accade in Francia) per violazione della privacy.

Soprattutto l’utilizzo troppo leggero dei tag espone a pericoli ben maggiori: è stato evidenziato che l’utilizzo di determinati hashtag ha permesso a delinquenti di utilizzare i volti per realizzare fotomontaggi e esporre le foto ritoccate su siti di pedofili. Ma non solo, anche la non consapevolezza delle impostazioni della privacy consente – anche a chi non ci conosce – di vedere e scaricare foto dal nostro profilo. La maggior parte delle foto sottratte viene recuperata direttamente dai profili social dei genitori.

Inoltre, più una foto ha successo e più diventerà virale: un qualcosa che sfuggirà di mano e non sarà più controllabile.

Rischi strettamente correlati per il bambino

Altri rischi, altrettanto importanti, sono connessi alla sfera psicologica del bambino: fin da piccolo si abitua a una sovraesposizione della propria immagine sui social, con relativo giudizio sulla propria popolarità che si basa sul numero di like e reazioni. Soprattutto più diventa grande, più aumenta il rischio che diventi ansioso e preoccupato di ciò che i genitori condividono.

Come prevenire lo sharenting e le sue conseguenze

In questo caso il problema lo creano direttamente i genitori, che vengono “sfruttati” dalla tecnologia: l’unica vera arma di difesa è la consapevolezza. Sapere cioè accadrà se si posta una determinata foto, con l’utilizzo di determinati tag e un’impostazione privacy dalle maglie troppo larghe.

Torniamo ad avere un po’ più di prudenza e dichiariamo l’orgoglio per i nostri figli anche in maniera più tradizionale, con foto dei nostri piccoli incorniciate e poste sulle scrivanie di lavoro, o sugli sfondi dei pc o – più semplicemente – tenendo una foto del nostro pargolo nel portafoglio (come si faceva una volta). E ricordiamoci che i nostri account social sono nostri e non dei nostri figli, i quali non hanno ancora la possibilità di dire di no e difendere la propria privacy.

Necessiti di una consulenza in materia di privacy e cyber security? Contattaci:

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *