Supporto Windows 7: Microsoft chiude l’assistenza nel 2020

Condividi:

Il countdown è iniziato: nel gennaio 2020 Microsoft chiuderà il supporto per il sistema operativo Windows 7.

Per chi è rimasto a Windows 7 è tempo di iniziare a dire addio, dato che i cinque anni di supporto esteso si concluderanno esattamente il 14 gennaio 2020.

Dopo tale data, il gigante della tecnologia non rilascerà più aggiornamenti di sicurezza gratuiti, correzioni di bug e nuove funzionalità per il sistema operativo, ancora ampiamente utilizzato: un numero significativo di utenti sarà ancor più esposto agli attacchi di malware. Questo per quanto riguarda i privati.

Per i grandi clienti come le aziende, invece, il supporto a Windows 7 non si esaurirà: questo perché Microsoft farà eccezioni esclusivamente per società con elevato potere di spesa, disposte a investire per continuare il loro supporto.

Imprese e Windows 7

Secondo un rapporto di “Death of Windows 7” della Kollective, azienda produttrice di contenuti, ben il 43% delle imprese utilizza ancora il sistema operativo Windows 7, vecchio di nove anni. Non solo, il 17% di questo sottoinsieme non conosce la scadenza del supporto di Microsoft.

Ti sta piacendo l’articolo? Iscriviti alla newsletter di Noi Sicurezza per ricevere altri consigli interessanti sulla sicurezza! (promettiamo di non essere troppo invadenti 😉 Buona continuazione di lettura!

Tutto ciò nonostante la notizia della conclusione del supporto esteso sia già stata ampiamente comunicata nel lontano gennaio 2015…

Milioni di utenti utilizzano ancora Windows 7

Quanto è popolare tra gli utenti Windows 7? Anche dopo aver spinto aggressivamente le installazioni di Windows 10 dalla sua uscita nel 2015, la sua quota di mercato è finalmente riuscita a superare Windows 7 solo entro la fine del 2018.

Windows 7 è stato rilasciato nel 2009 e attualmente è operativo su circa il 37% della flotta mondiale di PC. Molto più radicato rispetto del suo successore, Windows 8.

Microsoft ha interrotto il support mainstream per Windows 7 nel gennaio 2015, ma gli utenti di Windows hanno continuato a ricevere aggiornamenti di sicurezza e patch per la gestione dei problemi di sicurezza come parte del supporto esteso dell’azienda, eseguito appunto per almeno cinque anni.

In aggiunta, a marzo 2017, Microsoft ha anche iniziato a bloccare nuove patch di sicurezza e aggiornamenti per gli utenti di Windows 7 e Windows 8.1 che eseguono i processori più recenti di Intel, AMD, Qualcomm e altri.

Affinché Windows 7 funzioni su qualsiasi silicio moderno, i driver di dispositivo e il firmware devono emulare le aspettative di Windows 7 per l’elaborazione degli interrupt, il supporto del bus e gli stati di alimentazione, il che rappresenta una sfida per WiFi, grafica, sicurezza e altro“, ha affermato Microsoft.

La chiusura del ciclo di vita di un prodotto di grande successo

Il ciclo di vita inizia quando un prodotto viene rilasciato e termina quando non è più supportato. Conoscere le date chiave in questo ciclo di vita aiuta a prendere decisioni informate su quando aggiornare, aggiornare o apportare altre modifiche al software.

“Certificato di morte” non solo per Windows 7…

Oltre a terminare il supporto per Windows 7 il prossimo anno, Microsoft finirà anche il supporto per MS Office 2010, Windows Server 2008/2008 R2, SQL Server 2008/2008 R2, Exchange 2010 e Windows Embedded 7.

Per quanto riguarda Windows 8, c’è più tempo: il supporto esteso del sistema operativo terminerà il 10 gennaio 2023.

Cosa dovrebbero fare gli utenti di Windows 7?

Se tu lettore e/o la tua azienda utilizzate ancora Windows 7, ti resta ancora fino al gennaio 2020 per passare al sistema operativo più recente.

Le agenzie governative e le grandi imprese possono ancora pagare per il costoso supporto esteso, continuando a ricevere aggiornamenti di sicurezza e patch dall’azienda se hanno bisogno di più di un anno per migrare alla versione più recente. Ma anche qui, il futuro di Windows 7 è segnato.

Gli utenti dovrebbero aggiornare immediatamente il proprio sistema operativo a Windows 10 o a Linux, anziché eseguire una versione del sistema operativo 7 Windows senza patch e sempre più vulnerabile.

Interessato a una valutazione del livello di sicurezza informatica della tua rete aziendale? Chiedi informazioni e consigli a Noi Sicurezza.

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *