Sicurezza Halloween: lista dei consigli per essere al sicuro

Condividi:

Eccoci arrivati ad Halloween, una delle feste che da diverso tempo ha preso piedi in Italia, soprattutto nelle città. Non siamo (e forse non saremo mai) ai livelli degli Stati Uniti, ma sono ormai tantissimi i bambini e ragazzi che lo festeggiano. Sicurezza Halloween: quali sono gli accorgimenti che aumentano il livello di sicurezza (e fanno dormire sonni più tranquilli a noi genitori)?

Sicurezza Halloween: la lista dei consigli

Ecco alcuni semplici ma utili consigli:

1. Bambini sempre accompagnati

E’ la base, al giorno d’oggi quale genitore lascerebbe andare in giro da solo un bambino sotto i 7-8 anni? 1 adulto ogni 5-6 bambini, che possa controllarli e assicurarsi che non si caccino in brutti guai. Non di più, perché è molto difficile governare ogni situazione, soprattutto in condizioni di oscurità serale.

2. Costumi “paurosi” ma con dettagli “luminosi”

Halloween si passa in strada, di casa in casa. Già è notte, se poi ci veste completamente di nero si è più a rischio. Le automobili devono poter vedere chi attraversa la strada, soprattutto se si tratta di bambini vivaci. Meglio quindi inserire degli elementi che abbiano un colore sgargiante.

3. Maschere? Attenzione alla visibilità!

Altro consiglio “Sicurezza Halloween”: avere una maschera che non ci consente di vedere bene è un problema di sicurezza spesso sottovalutato. Senza una buona visione laterale, attraversare la strada è ancor più pericoloso. Soprattutto nel caso di bambini ipereccitati per aver appena “strappato” una gran quantità di dolcetti. Meglio pitturare il viso, piuttosto che una maschera.

4. Dispositivi di sicurezza personale per i “quasi ragazzi”

Il bisogno di indipendenza di certi piccoli uomini, forse non più bambini ma ancora piccoli ragazzi, si fa sentire soprattutto in una festa come Halloween. Ragazzini che escono con una piccola combriccola per sentirsi più grandi, ma non hanno l’esperienza per evitare i guai.

Esistono però dispositivi di sicurezza personale che fanno al caso nostro. Ayuto, ad esempio, è uno strumento tascabile molto semplice da utilizzare, che grazie a un pulsante SOS consente di inviare un allarme a una Centrale Operativa attiva 24 ore su 24, in grado di attivare prontamente le forze dell’ordine e, al contempo, allertare i familiari (o qualsiasi altro recapito urgente indicato).

Perché un dispositivo di sicurezza personale come Ayuto e non uno smartphone? Per il funzionamento molto più immediato rispetto a un app, fondamentale in condizioni di panico. Basta schiacciare un pulsante e sono subito in collegamento con chi mi può aiutare.

5. Altri consigli: non fidarsi degli estranei

Il primo comandamento: ricordare che qualunque cosa accada non devono salire su una macchina di uno sconosciuto o entrare in casa di estranei. Mai farlo anche se fa freddo o se piove o se vi dicono di entrare per prendere i dolcetti.

6. Attenzione quando si attraversa la strada

Consiglio forse banale, ma la sera a volte le auto vanno troppo veloce e i bambini sono troppo esuberanti e vivaci. Catechizzate i vostri bambini e quando chiedono i dolcetti fate fare tutto il lato di una strada, per poterla attraversare soltanto una volta.

7. Localizzazione dei vostri figli

Bisogna conoscere/autorizzare preventivamente il tragitto che verrà coperto dal proprio figlio, ma un dispositivo di protezione personale che geolocalizza si rivela utile anche per sapere sempre dove si trovano i bambini e avere il controllo della situazione.
Interessato a soluzioni di sicurezza personale? Chiedi maggiori informazioni!

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *