Facebook Data Abuse Bounty: 40.000$ di ricompensa a chi scopre furti di dati

Condividi:

Eccoci ancora a parlare delle conseguenze del caso Facebook-Cambridge Analytica (del quale abbiamo recentemente scritto). Dopo le dichiarazioni di Mark Zuckerberg al Congresso americano, nelle quali ammette le responsabilità in prima persona in qualità di presidente – nonché fondatore – di Facebook. Ma oltre a ciò viene lanciato un nuovo programma, il Facebook Data Abuse Bounty in cui Facebook ricompensa con 40.000$ chiunque riesca a fornire prova di evidenza di furti/utilizzo non autorizzato di dati.

Facebook Data Abuse Bounty: cos’è

Il programma, lanciato a seguito dello scandalo Cambridge Analytica e fortemente voluto dal CEO di Facebook Mark Zuckerberg, chiede ai propri utenti un supporto per scoprire e segnalare abusi nell’utilizzo dei dati. In cambio, viene offerta una taglia di ben 40.000$.

Da non confondere con il Bug Bounty Program

Qualcuno di noi avrà sentito parlare anche di Bug Bounty Program, che è un altro progetto, già attivo da tempo. Il Bug Bounty Program premia invece gli sviluppatori e i programmatori che scoprono difetti e falle (bug) nel sistema di Facebook.

Si tratta quindi di due campagne diverse, ma se vogliamo complementari, che premiano il supporto a Facebook contro fughe di dati e falle di sicurezza & c.

Cosa bisogna fare per ottenere i 40.000$ di ricompensa

Ottenere i 40.000$ del Data Abuse Bounty non è certo facile: è necessario non solo portare delle prove di fughe di dati da Facebook, ma portare prove del coinvolgimento di almeno 10.000 utenti vittime a cui sono stati rubati dati (solo su fughe di dati ancora non note all’azienda americana).

Ti sta piacendo l’articolo? Iscriviti alla newsletter di Noi Sicurezza per ricevere altri consigli interessanti sulla sicurezza! (promettiamo di non essere troppo invadenti 😉 Buona continuazione di lettura!

40.000$ di ricompensa…o forse più

Si parla dei 40.000$ di ricompensa, tuttavia il premio può teoricamente essere anche maggiore a seconda della vastità e della gravità del caso portato.

Cosa accade a chi ruba i dati

Quelli che in inglese vengono definiti “Bad Actors“, in questo caso società ed entità che agiscono in maniera illecita al fine di ottenere dati sensibili delle persone senza autorizzazione, vedranno immediatamente sospesa la propria app su Facebook, con conseguente citazione in tribunale da parte di Zuckerberg & soci.

Come segnalare gli abusi

Il bando del Data Abuse Bounty Program è disponibile su Facebook, insieme ai termini di partecipazione al progetto e alle FAQ che chiariscono i principali dubbi che potrebbero sorgere a chi volesse effettuare una segnalazione.

Interessato ad approfondire il tema della sicurezza dei dati sensibili aziendali? Chiedi un’analisi di sicurezza informatica gratuita per la tua attività.

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *