Telecamere finte: sono un deterrente efficace?

Condividi:

Parliamo di telecamere e deterrenza: è vero che le telecamere finte sono un valido deterrente contro i ladri? Perché se così fosse, parte di un sistema di allarme potrebbe essere composto da questa soluzione piuttosto economica. Scopriamo in questo articolo se è effettivamente così!

Telecamere finte: cosa sono?

Le telecamere finte, false, fasulle (chiamatele come volete) compongono un sistema di videosorveglianza fittizio che ha l’obiettivo di rappresentare un deterrente per i ladri, i quali, vedendo delle telecamere, dovrebbero desistere dal tentativo di effettuare un’effrazione.

Naturalmente per falso si intende un “pezzo di ferro” non progettato per essere collegato a uno smartphone o a una Centrale Operativa di monitoraggio allarmi. Non confondiamoci con un sistema di videosorveglianza non funzionante.

Differenze tra telecamere false e telecamere vere

Magari i meno attenti non noteranno differenze, ma state certi che a ladri esperti basterà un’occhiata per capire se una telecamera è finta.

Ti sta piacendo l’articolo? Iscriviti alla newsletter di Noi Sicurezza per ricevere altri consigli interessanti sulla sicurezza! (promettiamo di non essere troppo invadenti 😉 Buona continuazione di lettura!

Da cosa lo possono dedurre?

Innanzitutto dalla qualità dei materiali: sono molto “plasticosi”, non sono presenti particolari leghe di metallo. Anche le lenti sono un elemento di debolezza in quanto risultano palesemente fasulle, di plastica, ed evidentemente lontane da quelle vere. Così come i led che, essendo molto difficili da replicare, sono facilmente individuabili come finti elementi.

Poi, la marca della telecamera, che chiaramente non può essere quella di grandi brand del mercato e neanche uno dei marchi che vengono venduti nei discount dell’elettronica. Anzi, a volte è ancora peggio: una specifica marca identifica proprio i produttori di telecamere fasulle, facendo capire ai ladri che quella casa o negozio non è realmente protetto.

Infine l’installazione e il cablaggio, in cui a volte si notano errori davvero marchiani anche perché chi installa è direttamente il proprietario di casa, che nella maggior parte dei casi non ha competenze tecniche e di sviluppo di soluzioni di sicurezza.

Tutti questi dettagli risultano evidenti e familiari a un malvivente, che capirà due cose:

  • quella casa non ha un vero sistema di allarme, quindi potrà agire indisturbato;
  • quella casa ha qualcosa che è di valore, altrimenti non esisterebbe un sistema di videosorveglianza, anche se fasullo.

Risparmiare sì, ma sulla sicurezza… no

Un risparmio di poche centinaia di euro per un impianto video finto non vale un sistema di sicurezza che può realmente proteggere la propria abitazione e la propria famiglia. Avere qualcuno che in caso di allarme può intervenire non ha prezzo e un allarme non ha i costi di un’automobile (per quanto può essere ben più importante!).

Per avere l’allarme con telecamere devo avere un grande budget?

Qualche anno fa avrei detto di sì, ma in realtà oggi non è più così perché esistono dei sistemi di sicurezza che… integrano le telecamere direttamente nei sensori!

La qualità del video non è paragonabile a quella di una telecamera di altissimo livello, ma è più che sufficiente per riconoscere eventuali estranei che entrano all’interno della nostra casa. Stiamo parlando della verifica video degli allarmi.

IMPORTANTE: quando cercate questa soluzione prestate attenzione, scegliete solo chi propone “verifica video” e non “tramite immagini”. Quest’ultima è di minor qualità ed è legata ai fotogrammi… bisogna sperare che il malvivente sia fotografato nel momento giusto! Altrimenti, verificando l’allarme da remoto, si potrebbe avere un falso negativo e non accorgersi che un ladro è in casa.

La soluzione di sicurezza per non dover investire tutto subito

Alcune aziende, come ad esempio Axitea, offrono soluzioni per la casa senza che sia necessario acquistare un allarme, proponendo sistemi di sicurezza con la formula del comodato: un canone mensile come quello di uno smartphone o di Sky, nel quale è incluso anche il monitoraggio degli allarmi h24 da Centrale Operativa, con intervento di guardie giurate in caso di pericolo.

Attraverso la verifica video che si attiva a seguito di un allarme, un operatore di Centrale (ma anche il proprietario di casa attraverso l’app) può constatare un tentativo di intrusione e chiamare prontamente pattuglie e forze dell’ordine. Il costo? A partire da meno di 2€ al giorno.

Necessiti di suggerimenti per la protezione della tua casa o desideri una vera e propria analisi di sicurezza?

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *