Quali sono i punti deboli di un negozio e come proteggerli?

Condividi:

I punti deboli di un negozio sono un obiettivo che i ladri sfruttano per commettere rapine e furti.

Oltre al rischio per l’incolumità delle persone presenti durante una rapina, ciò genera perdite economiche significative per il negoziante. E’ tuttavia possibile ridurre la probabilità che accadano questi spiacevoli eventi, adottando alcune misure protettive.

Quali sono i punti più vulnerabili di un negozio?

I principali punti deboli di un commercio sono:

  • Punti ciechi;
  • Scaffali sovraccaricati;
  • Aree di carico e scarico;
  • Accessi al negozio;
  • Camerini.

Li affronteremo in questo articolo.

Aree di miglioramento di un negozio: punti ciechi

Gli angoli e i corridoi stretti sono i luoghi più vulnerabili di un negozio. Questo perché permettono a malintenzionati di non essere visibili a negozianti e altri clienti.

E’ importante progettare il negozio o apportare alcuni accorgimenti in modo da non avere punti ciechi. Non solo armadi e scaffali, ma anche l’illuminazione svolge un ruolo importante.

Scaffalature sovraccaricate

Gli scaffali in cui i prodotti si affollano sono molto vulnerabili ai furti. Questo accade principalmente in: negozi per casa e utensili, boutique di abbigliamento e accessori, bazar, librerie, piccoli supermercati, cartolerie, …
Il gran numero di oggetti, solitamente posti uno sopra l’altro in maniera disordinata, impedisce il controllo su di essi.

Per evitare ciò, mantieni una quantità ragionevole di prodotti senza sovraccaricare. Avere un negozio ben ordinato permetterà al negoziante di sapere dove si trova tutto e quanto rimane di ogni articolo in vendita.

Ti sta piacendo l’articolo? Iscriviti alla newsletter di Noi Sicurezza per ricevere altri consigli interessanti sulla sicurezza! (promettiamo di non essere troppo invadenti 😉 Buona continuazione di lettura!

Aree di carico e scarico

I negozi di medie dimensioni possono avere un’uscita stradale specifica per eseguire attività di carico e scarico.

Di solito, è un punto debole nei negozi se scatole o altri prodotti sono lasciati in vista e temporaneamente incustoditi, dal momento che i ladri possono rendersene conto (soprattutto se curano le abitudini delle vittime).

Questo è il motivo per cui è essenziale non lasciare nulla di incustodito.

Accessi al negozio

Proteggere l’accesso e l’uscita di un negozio è strategico, altrimenti i ladri potrebbero approfittare di momenti di grande affluenza per approfittare della confusione e scappare.

Il modo migliore per evitare questo problema è disporre di barriere di sicurezza. Inoltre, si consiglia di assumere i servizi di una guardia di sicurezza durante le ore di maggior rischio.

Camerini

Uno dei punti deboli tipici dei negozi (una scena spesso presente in diversi film) sono i camerini. Proteggerli è facile: conta gli abiti che ogni cliente introduce.

Strumenti e buon senso per la riduzione dei punti deboli di un negozio

Ci sono modi abbastanza semplici per diminuire le vulnerabilità di un negozio senza gravare troppo sui costi:

  • Specchi: installati sulle pareti e negli angoli più in alto, consentono di identificare qualsiasi azione sospetta da qualsiasi punto.
  • Illuminazione: una buona illuminazione ostacola il furto, fa sentire “osservato” il ladro, genera ampiezza e migliora la qualità della videosorveglianza.
  • Cambiamenti logistici: devi mettere i prodotti in aree facili da monitorare. È anche conveniente installare armadi con serratura per alcuni di questi prodotti.
  • Cambiamenti nel layout: evita che il layout degli arredi del tuo negozio generi piccoli spazi e corridoi stretti. È meglio rimuovere alcuni scaffali e creare uno spazio spazioso e piacevole, senza che ci siano troppi prodotti e aumentino le possibilità di furto.

Soluzioni di sicurezza per ridurre i punti deboli in un negozio

I sistemi di sicurezza che combattono al meglio i punti deboli di un negozio sono:

  • Videosorveglianza: la sua installazione è di per sé un potente deterrente che impedisce la maggior parte dei furti. Inoltre, consentono di visualizzare ciò che accade in qualsiasi momento.
  • Soluzioni antirapina tascabili: perfette per un negoziante, che può inviare un allarme con un dispositivo portatile. Configurabile anche come antiaggressione, utile quando si esce con l’incasso della giornata.
  • Sensori e allarmi: sono l’opzione più appropriata per proteggere gli oggetti di valore. Gli armadietti possono avere sensori che attivano un allarme se qualcuno tenta di forzarli. Se possibile, è consigliabile inserirli in tutti i prodotti.
  • Sirene: allertano anche visivamente quando porte tagliafuoco e uscite di sicurezza vengono aperte da persone non autorizzate.
  • Monitoraggio allarme e intervento in caso di furto o rapina: una Centrale Operativa, attiva h24 e 365 giorni l’anno, in grado di monitorare tutti gli allarmi e organizzare l’intervento di guardie giurate e Forze dell’Ordine.
  • Guardia giurata: è l’opzione più completa per gli stabilimenti più grandi che hanno un alto afflusso di clienti.

Interessato a soluzioni di sicurezza per il tuo negozio?

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *