Inosservanza misure anti Covid in azienda: si rischia processo penale

inosservanza-misure-anti-covid-19-azienda-processo-penale
Condividi:

Un elemento chiave della riapertura delle aziende in piena emergenza Coronavirus è l’osservanza delle indicazioni contenute nel protocollo anti contagio e delle varie disposizioni legislative (oltre alle ordinanze regionali). Oggi sappiamo che c’è un motivo in più per seguirlo: il rischio di processo penale per i datori di lavoro responsabili di inosservanza misure anti Covid in azienda.

Cosa succede se il dipendente si ammala

L’infezione di Covid-19 è equiparabile a un infortunio sul lavoro e potrebbe portare al coinvolgimento dell’imprenditore sul piano penale per i reati di lesioni o di omicidio colposo, nel caso di decesso. E questo anche nel caso che la responsabilità del datore di lavoro non sia oggettiva, ma abbia correttamente effettuato tutti gli adempimenti previsti.

A rischiare non sono solo saranno i furbi o chi, anche se in buona fede, ritiene (erroneamente) di aver preso tutte le misure, ma anche i datori di lavoro che hanno diligentemente posto in essere tutte le misure necessarie per contrastare e contenere la diffusione del Covid-19 dettate dai protocolli di sicurezza del 14 marzo e del 24 aprile 2020. A evidenziarlo sono i Consulenti del Lavoro stessi.

Tutela imprenditori: arriva lo scudo penale?

Da più parti, anche politiche, si ritiene opportuno introdurre una norma che consenta l’esclusione della responsabilità del datore di lavoro qualora lo stesso abbia adempiuto a tutti gli obblighi, dotando i propri dipendenti di protezioni individuali, sanificando i luoghi di lavoro (e mantenendoli sanificati), stabilendo misure e procedure di distanziamento sociale. L’Ordine dei Consulenti del Lavoro propone di prevedere garanzie certe per tutti gli imprenditori: il Governo si è espresso favorevolmente sul coinvolgimento penale del datore di lavoro solo nel momento in cui ci sia una comprovata inosservanza delle disposizioni a tutela della salute dei lavoratori e, in particolare, di quelle emanate dalle autorità governative per contrastare la predetta emergenza epidemiologica».

Inosservanza misure anti covid in azienda: i danni diretti e indiretti

I rischi derivanti da un processo penale sono solo una piccola parte del problema: in caso di contagio la naturale conseguenza sarebbe un nuovo stop alle attività aziendale, il che assesterebbe un colpo mortale a un’azienda probabilmente già stremata dalle perdite generate dal lockdown.

Un piano aziendale di gestione crisi della pandemia

Vista la situazione di incertezza, ma soprattutto anche per via delle ripercussioni negative di un nuovo stop all’azienda in cui uno o più dipendenti si infettano al Covid-19, è chiaro che i rischi sono troppo grandi per fare le cose senza l’aiuto di professionisti.

È necessario riprogettare gli accessi all’azienda, adottare soluzioni di rilevazione della temperatura corporea e tecnologiche per il distanziamento sociale, definire procedure e misure per minimizzare il rischio di contagio, rispettare i vincoli privacy e fissare le procedure di isolamento dei soggetti infetti.

Stiamo parlando di un piano aziendale sicuramente complesso che deve essere realizzato in tempi brevi da professionisti che effettuano già da tempo consulenze di sicurezza e safety.

Noi Sicurezza vanta un’esperienza più che decennale nel campo della consulenza di sicurezza e safety, chiedi un nostro supporto.

CHIEDI CONTATTO
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi