Il futuro dei data center

data center
Condividi:

La pandemia globale ha portato una serie completamente nuova di sfide al mondo. Ha costretto le aziende a lavorare a distanza e le scuole a insegnare a distanza, accelerando la velocità con cui si sono creati questi scenari.

Di conseguenza, la necessità di un rapido accesso alle informazioni è stata estremamente impegnativa per i data center.

Mantenere la disponibilità e la qualità dei servizi online durante la pandemia, affrontando allo stesso tempo l’aumento della domanda in generale, in gran parte guidato dalla crescita dell’IoT, non è stato e non è tuttora un compito semplice. La pandemia ha sottolineato l’importante ruolo dei data center non solo nel garantire il funzionamento delle aziende IT, ma anche nella vita quotidiana degli utenti ordinari.

Ciò che stiamo vedendo accelererà lo sviluppo dei data center e come saranno i data center futuri?

Data Center: panoramica del settore

Il mercato dei servizi di data center è stato valutato in $ 48,9 miliardi nel 2020. Si ipotizza che entro il 2026 questa cifra aumenterà a $ 105,6 miliardi. Secondo il Data Center Services Market Report, i principali fattori di crescita sono:

  • The “New Normal”, con lavoro a distanza,
  • Digitalizzazione dei processi esistenti,
  • Settore industriale in crescita grazie alle tecnologie digitali,
  • Aumento delle PMI che adottano le tecnologie digitali,
  • Utilizzo crescente dei servizi Over-the-Top (OTT), un nuovo metodo per distribuire film e televisione direttamente tramite Internet, senza la necessità di trasmissioni tradizionali via cavo o via satellite,
  • Sviluppo di tecnologie come IoT o Machine Learning (ML).

Stiamo assistendo a una forte crescita delle tecnologie che richiedono data center, ad esempio la crescente domanda di servizi cloud, i cui fornitori optano per data center esterni. Questa è la tendenza in quanto i data center interni richiedono investimenti molto maggiori, sia per la loro costruzione che per la successiva manutenzione.

Le tendenze dei data center

Automazione: uno degli effetti della pandemia globale è stato il modo in cui il lavoro è passato all’online. Mentre, parallelamente a ciò, la quantità di personale consentito in loco è stata notevolmente ridotta in molti paesi. Uno dei modi in cui i data center del futuro affrontano tali problemi è automatizzare completamente o parzialmente il lavoro, adattando le soluzioni di IA e Robotic Process Automation (RPA).

Edge computing: l’edge computing svolge un ruolo enorme nello sviluppo dei futuri data center. Man mano che sempre più persone adottano soluzioni intelligenti, non solo nelle aziende ma anche nelle proprie case, la domanda di edge computing continuerà a crescere, così come la domanda di dispositivi di edge computing. Questo a sua volta cambia i data center poiché il decentramento della potenza di calcolo avrà un impatto diretto sul tipo di data center che vedremo in futuro. Vale anche la pena considerare il rapporto tra edge computing e rete 5g come alternativa ai data center classici, che consentirà lo sviluppo più rapido di applicazioni legate all’IA o all’IoT.

L’edge computing consente di elaborare i dati più vicino all’origine, riducendo la latenza. È probabile che ciò porti allo sviluppo di data center mobili, che possono essere facilmente collocati, ad esempio, vicino a grandi eventi sportivi, concerti, ecc. Questa soluzione può anche eliminare i problemi di connettività in aree remote.

Sostenibilità: poiché le aziende diventano sempre più consapevoli del cambiamento climatico e sono sollecitate ad agire rapidamente, anche i data center devono integrare la sostenibilità nelle loro strategie.

Secondo il Journal of Science, i data center erano responsabili dell’1% del consumo energetico totale mondiale. Tuttavia, il carico di lavoro dei data center tra il 2010 e il 2020 è aumentato di 6 volte, mentre il livello di consumo energetico non è aumentato proporzionalmente a questi numeri.

I data center del futuro sono destinati a essere ancora più rispettosi dell’ambiente. La domanda di archiviazione dei dati non rallenterà certamente, ma i data center si amplieranno e miglioreranno il loro uso di compressione dei dati, deduplicazione e altri metodi di miglioramento dell’efficienza. Un ulteriore fattore è che il raffreddamento dei moderni data center viene effettuato con sistemi liquidi o addirittura cosiddetti passivi.

Il raffreddamento ad aria, che è stato utilizzato fino ad oggi per mantenere le buone condizioni dei server, consuma un’enorme quantità di risorse: il raffreddamento a liquido, invece, consente la rapida riduzione della temperatura e dei consumi energetici ed è spesso impostato come un ciclo ecologico chiuso. I sistemi a raffreddamento passivo con la tecnologia più recente in termini di componenti che consumano molta meno energia e tollerano temperature più elevate saranno notevolmente più predominanti in futuro.

Anche i futuri data center vengono progettati e posizionati per una migliore efficienza. Un buon esempio di questi sono Google, Facebook e Amazon, che hanno acquistato un terreno in Svezia per costruire data center, poiché in una regione più fredda sono necessarie meno risorse per raffreddare i server. Microsoft sta prendendo una strada del tutto più insolita, ma molto promettente con il suo Project Natick, che ricerca le opzioni per la distribuzione di data center sottomarini.

    Il tuo nome*

    La tua email*

    Il tuo telefono*

    La tua città

    Il tuo messaggio

    * campo obbligatorio

    Condividi:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi