Il controllo accessi aumenta la sicurezza nella tua azienda

Condividi:

Quando parliamo della sicurezza di un’azienda, pensiamo sempre e solo a un impianto di allarme o a un sistema di videosorveglianza con collegamento a una società di vigilanza privata. Ma non è solo questo: anche il controllo accessi è in grado di elevare il livello di sicurezza di un’attività.

Che aiuto può dare il controllo accessi?

Partiamo dal presupposto che l’uomo non è infallibile: qualsiasi dipendente può – anche in buona fede – commettere una leggerezza non rispettando una procedura, mentre la tecnologia ci aiuta a prevenire ogni errore umano.

Come? Chi lavora alla reception non può essere presente sempre e comunque, può essere costretto ad assentarsi dalla postazione per qualche minuto, oppure può essere distratto da una telefonata. Può anche essere disturbato da due persone mentre un’altra entra negli uffici.

Sono moltissimi gli eventi che possono rendere vulnerabile la nostra azienda.

Ecco allora che il controllo accessi ci viene in soccorso: utilizzando un tornello o un varco che si apre solo nel caso in cui un dipendente o un visitatore è in possesso di un badge, avrò aumentato la sicurezza della mia azienda.

Il badge e il lettore badge magnetico

Il lettore badge magnetico utilizza la tecnologia RFID (Radio Frequency IDentification), cioè un’identificazione a radio frequenza: per accedere a un’area specifica è necessario possedere un badge, che registra chi è entrato, quando è entrato, dove è entrato.

Non solo controllo accessi con badge, a seconda delle esigenze è possibile installare dei varchi che si aprono con la digitazioni di codici, oppure soluzioni che integrano sia card che codici.

Il controllo accessi non è solo utile per autorizzare ed essere a conoscenza di chi entra in azienda, viene utilizzato anche per fornire “il lasciapassare” al parcheggio aziendale alle auto di titolari, dirigenti o dipendenti. In certi contesti può anche essere collegato a un sistema di lettura targhe, simile a quelli che vengono utilizzati per le ZTL delle grandi città.

Integrazione con i sistemi di sicurezza

Un controllo accessi stand alone non sfrutta certamente tutte le sue potenzialità, deve essere collegato agli altri sistemi di sicurezza presenti in azienda: è utile anche quando l’azienda è chiusa perché rappresenta un’ulteriore barriera all’accesso di estranei.

Non solo, è importante anche in tema di safety: ad esempio, in aree molto grandi permette di capire quante persone si trovano ancora in un determinato spazio dopo un incendio, un’esplosione o un terremoto e quante si sono già messe in salvo.

Parola d’ordine integrare il controllo accessi con gli altri sistemi di sicurezza presenti in azienda, per sorvegliare i varchi di accesso a un’azienda: in questo senso, il collegamento a una Centrale Operativa di una società di vigilanza privata con intervento di guardie giurate aumenta il livello di sicurezza.

Integrazione con i software di gestione paghe

L’utilità di questi sistemi non si ferma alla sola sicurezza ma coinvolge anche l’ufficio personale delle aziende, perché sono perfettamente interfacciabili con i software dell’ufficio personale e permettono di registrare orari di entrata e uscita di ogni dipendente, semplificando di molto il lavoro in sede di preparazione delle buste paghe.

Un unico interlocutore per la sicurezza

Il controllo accessi va progettato da un professionista della sicurezza, perché non rappresenti un ostacolo ma coniughi invece operatività dei dipendenti/fornitori e sicurezza di beni e persone.

Un imprenditore o un Security Manager deve scegliere il giusto fornitore, capace di integrare i sistemi e che faccia da unico interlocutore per le tematiche di sicurezza di un’azienda. Questo perché è davvero complicato gestire tanti fornitori diversi, spesso difficili da far relazionare tra loro.

Vi immaginate le difficoltà nell’affidare il controllo accessi a una società, la vigilanza a un’altra, un sistema di sicurezza antintrusione a un’altra? Fortunatamente esistono società che fanno da system integrator, oltre a fornire servizi di monitoraggio degli allarmi H24 con intervento di guardie giurate in caso di tentativo di intrusione.

Le mille applicazioni del controllo accessi

Il controllo accessi rappresenta uno strumento ideale per tutte le realtà aziendali, ma è totalmente indispensabile nella gestione degli accessi a musei, stadi, palazzetti sportivi, banche e – in generale – in tutte quelle realtà dove è fondamentale avere il controllo e una rapida reazione a situazioni critiche per la sicurezza (ad esempio, gli aeroporti o le stazioni ferroviarie).

E le applicazioni del controllo accessi non finiscono qui: vogliamo che in alcune aree dove sono depositati dati sensibili o brevetti accedano solo determinate persone? Vogliamo che solo alcuni operai specializzati entrino in un locale di un’azienda chimica? Bene, possiamo rilasciare autorizzazioni personalizzate, impedendo l’accesso a tutti gli altri dipendenti o esterni all’azienda.

Scegliere un professionista

E’ importante affidarsi a uno specialista capace di prevedere uno scenario di sicurezza, integrando le diverse soluzioni disponibili e confrontandosi con il responsabile sicurezza di un’azienda o il titolare, che è – ricordiamolo – il responsabile legale di ciò che accade a un dipendente o a chiunque acceda in azienda.

Necessiti di una consulenza in materia di controllo accessi e sicurezza aziendale?

CHIEDI INFORMAZIONI

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *