L’app per avere sotto controllo la tua casa

Condividi:

Poter verificare in qualsiasi momento che a casa sia tutto a posto non ha prezzo. Grazie agli smartphone e alle app oggi è possibile fare questo, scopriamo insieme come un’app può aiutarci ad avere il controllo della nostra casa e – soprattutto – come integrarla con il nostro sistema di allarme.

Quante ore passiamo fuori casa ogni giorno?

Passiamo buona parte delle ore del giorno fuori casa e ognuno di noi vuole avere la possibilità di vedere con i propri occhi che a casa non ci siano estranei o malviventi. Lo stesso discorso vale anche quando qualche nostro familiare si trova tra le mura domestiche, soprattutto se è un figlio o un anziano.

Quando non riusciamo a metterci in contatto con un nostro caro, ci preoccupiamo se siamo a km di distanza e non possiamo assentarci dal lavoro. E, spesso, abbiamo buone notizie solo dopo qualche ora!

L’app collegata al tuo sistema di allarme: stop alle ansie

Diciamolo, anche se non ci arriva nessuna chiamata o allarme, ogni tanto vorremmo controllare che a casa non ci sia nessun ladro o che la casa non stia andando a fuoco (…o che non sia in corso un’invasione di cavallette)!

Per questo motivo, molte app offrono la possibilità di richiedere foto o video, in particolare l’app di Axitea collegata a “Sicurezza Casa“, il sistema di allarme collegato 24 ore su 24 con la Centrale Operativa.

Potete richiedere di visualizzare cosa sta accadendo in quel momento a casa vostra, con un semplice clic nell’app, fermando le vostre ansie sul nascere.

Attiva o disattiva il tuo allarme da smartphone

Il vantaggio di un’app come quella di Sicurezza Casa? Poter controllare – e nel caso, attivare – il vostro sistema di allarme anche a chilometri e chilometri di distanza, dal vostro smartphone.

…E’ un po’ come quando parcheggiamo l’auto e ci viene il dubbio se l’abbiamo chiusa a chiave o no! Niente più pensieri anche in questo caso, basta aprire l’app e guardare se il nostro allarme è inserito o meno.

Il plus di un’app: allarme collegato e intervento di guardie

Detto dello stop alle ansie, va fatta un po’ di cultura sull’utilizzo delle app collegate a una semplice telecamera o a un antifurto non collegato a una Centrale Operativa: servono a poco o nulla, perché se siamo noi o qualche nostro parente gli unici a ricevere le notifiche in caso di tentativo di furto, sarà impossibile essere sempre presenti e reattivi giorno & notte, 365 giorni l’anno.

Per questo è fondamentale disporre di un antifurto come “Sicurezza Casa”, che si connette a una Centrale Operativa: in caso di allarme gli operatori verificano immediatamente cosa sta accadendo attraverso un video prodotto dal sistema di sicurezza, inviando guardie e forze dell’ordine nel caso in cui stia realmente avvenendo un tentativo di intrusione.

Lo dico sempre, la reazione tempestiva è decisiva per aumentare le probabilità di sventare un furto!

Per chi volesse collegare l’antifurto ai Carabinieri o alla Polizia perché gratuito, in questo articolo precedente vi segnalo i rischi in caso di continui falsi allarmi.

Domotica, controllo accessi: una casa smart!

Con un’app e un sistema di sicurezza collegato a una Centrale Operativa e intervento di guardie giurate abbiamo una casa sicura, ma perché non renderla anche…intelligente?

Prima di tornare a casa possiamo “ordinare” al nostro termostato di accendersi, in modo da trovare la casa ben riscaldata al rientro.

Oppure, se siamo all’estero in vacanza possiamo attivare da smartphone il sistema di irrigazione del nostro giardino. O, ancora, accendere e spegnere le luci da remoto per simulare la presenza di una persona, di modo che i ladri non sappiano che la casa in quel momento non è abitata.

Quanto costa un allarme casa con app?

Il prezzo è alla portata di tutti, costando meno di un abbonamento a Sky. A partire da circa 1€ al giorno più contributo di attivazione potrete mettere in sicurezza la vostra casa.

Vuoi sapere come fare?

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *