Windows 10 ora segnala come insicure le reti Wi-Fi “WEP o TKIP”

reti-wifi-insicure-wep-tkip
Condividi:

A partire dall’aggiornamento di maggio 2019 (v1903) attualmente in fase di implementazione, Windows 10 mostrerà un avviso agli utenti se si connettono a una rete Wi-Fi che utilizza i protocolli WEP o TKIP. Nulla di nuovo per i più esperti, ma un allarme per chi non ha dimestichezza con la sicurezza Wi-Fi.

Cosa sono WEP e TKIP e perché sono giudicati insicuri?

WEP (Wired Equivalent Privacy) e TKIP (Temporal Key Integrity Protocol) sono protocolli di autenticazione utilizzati per proteggere e crittografare le connessioni Wi-Fi.

Entrambi i protocolli sono stati considerati insicuri molti anni fa ed è ampiamente noto e accettato che le connessioni WiFi effettuate tramite WEP o TKIP possono essere decodificate dagli hacker con relativa facilità.

In un documento di supporto pubblicato questa settimana, Microsoft ha detto che dopo l’aggiornamento degli utenti a Windows 10 v1903, Windows mostrerà un avviso nel pannello delle notifiche quando i pc sono connessi a reti Wi-Fi insicure (che utilizzano, per l’appunto, uno di questi due protocolli).

Reti wi-fi insicure: cosa consiglia Microsoft

A seconda della situazione, Microsoft consiglia di:

  1. disconnettersi da queste reti e utilizzare altre alternative più sicure oppure
  2. aggiornare le impostazioni del router di casa o lavoro, cosicché le connessioni Wi-Fi utilizzino un protocollo di autenticazione Wi.Fi più moderno come, ad esempio, lo standard WPA3.

Microsoft rimuove il supporto per le reti Wi-Fi “WEP o TKIP”

Questa presa di posizione di Windows 10 relativa alle reti Wi-Fi WEP e TKIP è stata annunciata da Microsoft in una pagina di supporto che descrive tutte le funzionalità di Windows 10 che la società sta rimuovendo o e non intende più sviluppare.

Il supporto per le connessioni Wi-Fi WEP / TKIP è una delle caratteristiche che Microsoft dichiara di voler smettere di sviluppare. Ciò significa che le connessioni WiFi WEP / TKIP continueranno a funzionare, ma con un avviso di “connessione non sicura”.

E in futuro…

Il piano a lungo termine è quello di rimuovere del tutto il supporto per i protocolli WEP o TKIP.

In una versione futura, qualsiasi connessione a una rete Wi-Fi che utilizza questi vecchi metodi di cifratura non sarà più consentita“, ha affermato Microsoft. “I router Wi-Fi dovrebbero essere aggiornati per utilizzare i codici AES, disponibili con WPA2 o WPA3.

Ieri, Microsoft ha anche annunciato modifiche al modo in cui Windows 10 v1903 gestirà patch e aggiornamenti, sui quali è possibile trovare maggiori dettagli in un articolo ZDNet.

Il wi-fi è un elemento di rischio informatico, ma non il solo…

Connessioni non sicure, sistemi operativi non up-to-date, inesistenti politiche di aggiornamento delle credenziali delle utenze, mancanza di veri e propri modelli che regolamentano il trattamento dei dati e altro ancora: sono moltissimi gli elementi che aumentano sensibilmente il rischio di perdite o furti di dati, blocchi produttivi, ecc…ma come individuarli?

La principale soluzione è l’assessment, ossia mappare tutto ciò che viene fatto in un’azienda o attività commerciale, per capire quali sono le migliori strategie da adottare.

Necessiti di un cyber security assessment? Chiedi supporto e maggiori informazioni a Noi Sicurezza:

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per altre finalità come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni. Usa il pulsante “Accetto” per acconsentire all'utilizzo di tali tecnologie, in alternativa esci dal sito senza accettare. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi