Vai in vacanza? Parti sereno con i consigli per un’estate sicura!

Condividi:

Anche quest’anno siamo quasi arrivati alle meritate vacanze! Hai prenotato tutto quello che c’era da prenotare per il tuo viaggio, sia esso in Italia o all’Estero. Oppure, se sei avventuriero, farai un viaggio on the road e andrai dove ti porterà il vento…

Ma hai già organizzato la sicurezza della tua casa o della tua attività quando sarai in vacanza?

Luglio e – soprattutto – agosto sono i mesi dei furti, perché i ladri non vanno in vacanza ma – anzi – fanno gli straordinari! Ecco alcune indicazioni utili per proteggerci durante questo periodo e trascorrere un’estate sicura:

Checklist per un’estate sicura durante le vacanze

Prima cosa: sia che tu sia il titolare di un’azienda, il proprietario di un negozio o, più semplicemente, una persona che tiene alla sicurezza della sua abitazione, non puoi sperare che non accada nulla semplicemente perché “non c’è nulla da rubare”. Tutti noi abbiamo almeno qualche oggetto che ha un po’ di valore (un pc, un televisore) e poi, è brutto sentirsi violati quando scopriamo che qualcuno è entrato in casa nostra o nel nostro negozio.

Regola base: un antifurto

Non rovinare una splendida vacanza con un brutto rientro perché scopri di essere stato derubato. Ormai il sistema di sicurezza è un must tanto per i privati quanto per il mondo business. E, come abbiamo visto, oggi avere un antifurto è un investimento sostenibile per tutti. Molto importante è anche il tema del collegamento dell’impianto di allarme a una centrale operativa.

Sei a centinaia (migliaia?) di chilometri di distanza: fai intervenire qualcuno al posto tuo!

Sventare da soli un furto è sconsigliato in ogni caso, troppo pericoloso! Ma in estate è anche impossibile solo pensarlo, dal momento che ci troveremo a diverse centinaia di chilometri di distanza…e, se poi siamo all’Estero, la situazione peggiorerà ancor di più perché potremmo accorgerci delle notifiche di allarme intrusione solo dopo diverse ore che è avvenuto un tentativo di furto. Richiedere servizi di monitoraggio e intervento su allarme da parte di un istituto di vigilanza è fondamentale, perché è ciò che mi garantirà un livello di sicurezza più elevato: se le forze dell’ordine hanno anche altre emergenze da risolvere, le pattuglie di una società di sicurezza – sebbene non possano fornire garanzia di risultato – lavorano esclusivamente per sventare furti. Anche perché, organizzare un intervento da così lontano è una mission impossible.

Occhio a chi fai intervenire

L’intervento di guardie giurate è la soluzione più efficiente: però verifica sempre a chi affidi la tua sicurezza, evita che la società con la quale hai il contratto di gestione allarmi subappalti l’intervento ad altri istituti. Ricordati sempre di chiedere: intervengono le vostre guardie o altri? Chi sono? Come organizzate la fase di comunicazione e di intervento se dovete avvertire un’altra società? Sono affidabili? Tendo a sconsigliare questi “subappalti”, perché quando una centrale operativa ne avverte un’altra per richiedere l’intervento di altre guardie, si perdono minuti preziosi che potranno impedirci di sventare il furto.

Disdici le consegne programmate

Ok, ormai non si usa più e forse è sempre stata un’usanza più americana, ma se hai quotidiani che ti vengono consegnati a casa ogni giorno, ferma le consegne per il periodo in cui starai via. L’accumulo di giornali è un segno di casa disabitata e poi, meno persone sanno che siamo in vacanza, meglio è. Lo stesso vale per consegne programmate di corrieri espresso a negozi o aziende.

Chiedi a qualcuno di ritirare la posta per conto tuo

Il discorso è quello affrontato poco fa: se a una prima occhiata si vede che a casa non c’è nessuno, se si accumula la corrispondenza, beh, i ladri sapranno che avranno più tempo per portare a termine il loro colpo.

No alle chiavi sotto lo zerbino

L’ABC: questa soluzione poteva andare bene decenni fa, quando la criminalità era minore e i ladri erano meno preparati. Ma oggi, il ladro cerca subito il nascondiglio nel quale potrebbero trovarsi le chiavi (dentro al vaso della pianta, sotto lo zerbino, …). Pensiamo di essere furbi ma a volte i ladri lo sono più di noi. Occhio alle valutazioni errate: ciò che potrebbe sembrare sicuro, potrebbe non esserlo!

La tua attività o abitazione è protetta? Fallo sapere ai ladri!

Abbiamo investito per sentirci più al sicuro ma poi pecchiamo nella comunicazione? Non sia mai! Scoraggiamo i malviventi a pensare anche solo ipoteticamente a un’intrusione nei nostri locali…”area vigilata con sistema di sicurezza con intervento di guardie giurate”: tra un edificio che espone questo messaggio e un altro che non lo riporta, chi sceglierà il ladro? Esponi adesivi e targhe!

Aziende e abitazioni: il controllo accessi

Certo, i sistemi di controllo accessi business sono profondamente diversi da quelli per i privati (ovvio che sia così), ma l’elemento comune è avere un preciso controllo di chi entra e chi esce, soprattutto quando non ci siamo. In entrambi i casi potrai attribuire credenziali per collaboratori aziendali o domestici, familiari, profilandoli per una gestione in sicurezza degli accessi. Come possiamo farlo? Se per le aziende la materia è molto complessa e variegata e andrebbe scritto un intero articolo, per i privati e il microbusiness è sufficiente una chiave elettronica che, passata su un lettore chiavi, attiva o disattiva il sistema di allarme. Tramite le app collegate alla tua soluzione di sicurezza, è possibile variare le autorizzazioni e controllare in tempo reale gli accessi all’interno degli edifici che abbiamo scelto di proteggere. Sicuramente rassicurante, quando siamo a centinaia di chilometri di distanza!

Parzializzazione degli allarmi

Hai un vicino che per aiutarti viene a controllare che sia tutto a posto, una collaboratrice domestica o una società di pulizie che tengono in ordine la tua proprietà quando non ci sei? Parzializza il tuo sistema di allarme e mantieni allarmate le aree alle quali nessuno – ma proprio nessuno – dovrà accedere in tua assenza. Ad esempio, se a una determinata ora passerà il giardiniere, disattiva da app il tuo allarme perimetrale mantenendo quello volumetrico.

No al fai-da-te: via lo stress da falsi allarmi!

Quando si è via, ogni allarme è fonte di stress. Tanto quelli reali quanto i falsi allarmi. Anche perché – essendo a “distanza di insicurezza” – fino a che qualcuno non controllerà per noi, non sapremo se qualcuno ci sta portando via qualcosa. Per questo motivo, per limitare al massimo gli allarmi impropri, utilizza sistemi di sicurezza di qualità, installati da professionisti e con un servizio di intervento su allarme.

Massima deterrenza: video sorveglianza e nebbiogeno

Un antifurto scoraggia buona parte dei ladri ma non tutti. Cosa possiamo fare per sentirci al sicuro? Sicuramente nessuno vuole essere visto (difendiamoci con le telecamere), mentre la protezione nebbiogena renderà praticamente impossibile il completamento di un furto: i malviventi cambieranno obiettivo!

Adeguata illuminazione degli accessi esterni e degli ingressi

Sai che i ladri preferiscono agire nell’ombra? Mantieni ben illuminati gli ingressi, sarà anche questo un piccolo deterrente, ma anche i dettagli fanno la differenza!

Social wise: sii saggio, non comunicare ai quattro venti la tua partenza!

In tempi di attacchi cyber, ladri mediamente organizzati possono recuperare informazioni sul tuo periodo di assenza. E poi, purtroppo, a volte i ladri sono persone che noi conosciamo…andate piano con le vostre comunicazioni e, se proprio non resistete, almeno regolate la visibilità e la privacy dei vostri post!

Cassaforte

Ricordati di chiudere sottochiave o in cassaforte gli oggetti di valore che non porterai in vacanza. Nello spiacevole caso in cui dei ladri saranno entrati nell’abitazione, i tempi del tentativo di furto si dilateranno, aumentando le probabilità che un vicino senta dei rumori inspiegabili data l’assenza per il periodo di ferie.

Sfrutta la domotica: simula la tua presenza a casa!

Abbiamo scritto che simulare la presenza di persone in casa è un bene perché scoraggia i ladri: la domotica oggi ti dà la possibilità di gestire casa tua o il tuo negozio da distanza: utilizza le app su smartphone e/o programma l’accensione di luci e sistema di irrigazione giardino.

Il pericolo non arriva solo dalle intrusioni: occhio agli altri pericoli

Abbiamo visto che i rischi per la sicurezza arrivano anche da altri tipi di allarme, spesso sempre più frequenti in estate – come ad esempio quelli da allagamento. Le conseguenze? Danni alle proprie merci, ai propri beni personali e/o danneggiamento di dati informatici aziendali o personali. Monitoriamo tutti i pericoli per organizzare gli interventi nel più breve tempo possibile, installiamo sensori tecnici per la gestone di allarmi gas, incendio, allagamento, mancanza rete,…

Ti piacciono questi consigli di sicurezza per l’Estate? Se hai bisogno di un supporto per la tua sicurezza, contattami e chiedi

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *