Telegram: 3 milioni di nuovi utenti durante l’interruzione di WhatsApp & Facebook

Condividi:

Quanto costa un’interruzione di servizio? Molto, sia che tu possieda una piccola azienda che una grande azienda. Per Facebook di certo i danni sono stati ingenti: da un punto di vista economico, ma anche dal lato competitor, perché come vedremo qualcuno ha approfittato del down di Whatsapp, Facebook & Instagram. Come Telegram, con i suoi 3 milioni di nuovi utenti.

Cosa è successo?

Il 14 Marzo 2019, WhatsApp, Facebook & Instagram hanno subito un’interruzione generalizzata con utenti di tutto il mondo che hanno segnalato problemi con l’invio di messaggi su WhatsApp e Messenger, la pubblicazione di feed su Facebook e l’accesso ad altre funzionalità sulle tre piattaforme di proprietà di Facebook.

La perdita economica

Non è così facile avere un dato preciso, ma possiamo rifarci alle stime di vendita del 2019 di Facebook Inc.: gli incassi giornalieri dell’azienda di Menlo Park sono pari a circa 189 milioni di dollari, ossia 7,875 milioni l’ora. Essendoci stato un periodo di down complessivo di 15 ore, il social network ha perso oltre 118 milioni di dollari!

Come se non bastasse, durante l’interruzione di servizio delle tre piattaforme il titolo in borsa Inc. è sceso da 173,37 dollari ad azione a 169,40 dollari.

Nulla che non sia superabile per il colosso di Mark Zuckerberg, ma di certo una giornata talmente pessima che verrà ricordata a lungo.

Telegram “cattura” 3 milioni di utenti

Mentre l’interruzione assumeva proporzioni importanti sia per il gigante dei social media che per i suoi milioni di utenti, chi era il vincitore che traeva il massimo dall’incidente? Telegram, che nel frattempo ha acquisito 3 nuovi milioni di nuovi utenti nel giro di un giorno.

Conferme dal fondatore di Telegram

Pavel Durov, il fondatore della popolare piattaforma di messaggistica sicura Telegram, afferma di aver registrato un aumento delle iscrizioni nelle ultime 24 ore, quando i servizi di messaggistica rivali si sono trovati ad affrontare tempi di inattività.

Vedo 3 milioni di nuovi utenti registrati per Telegram nelle ultime 24 ore“, ha scritto Durov sul suo canale Telegram. “Bene, ora abbiamo vera privacy e spazio illimitato per tutti.

Cos’è Telegram?

Telegram è un’alternativa ai servizi WhatsApp e Messenger di Facebook, offre agli utenti una funzione di messaggistica crittografata end-to-end opzionale, in modo che nessuno, nemmeno Telegram, possa accedervi.

Telegram ha adottato il supporto per la crittografia end-to-end nel lontano 2013, tre anni prima di WhatsApp e Facebook Messenger.

Oltre a questo, negli ultimi mesi Telegram ha introdotto molte funzionalità esclusive che nessun’altra app di messaggistica sta ancora offrendo. Due di queste funzionalità includono:

  • Supporto per account multipli: gli utenti possono aggiungere fino a 3 account di Telegram e passare facilmente da un account all’altro senza disconnettersi.
  • Creazione sondaggi: Telegram offre funzionalità di polling integrate per le grandi comunità, consentendo loro di coordinare le loro attività e discutere problemi complessi in modo efficiente.

Telegram ha affrontato in passato restrizioni e divieti in paesi come l’Iran, così come nel suo paese natale, la Russia, dopo che Durov si è rifiutato di soddisfare le richieste del governo, che richiedeva le chiavi di crittografia e le informazioni sui suoi utenti.

Privacy 100%?

In 5+ anni, Telegram ha rivelato esattamente zero byte di dati privati a terze parti, compresi i governi. Questo è il motivo per cui Telegram è vietato da governi autoritari come Russia e Iran. Altre applicazioni come WhatsApp invece…non hanno problemi con loro…“, è stata la frecciatina di Durov affidata a un tweet.

E tu, sei sicuro di avere il giusto livello di privacy? Contatta Noi Sicurezza per consigli e consulenza su privacy & gpdr:

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *