SensorVault: Google aiuta la polizia a identificare i dispositivi vicini a una scena del crimine

Condividi:

Non è un segreto che Google ti rintracci ovunque, anche quando mantieni disattivata la funzione Cronologia delle posizioni di Google.

Come rivelato da un’inchiesta della Associated Press del 2018, altre app di Google come Maps o il servizio di aggiornamento giornaliero del tempo su Android consentono al gigante della tecnologia di raccogliere continuamente dati precisi su latitudine e longitudine.

L’intento ufficiale: migliorare la user experience

Secondo Google, l’azienda utilizza queste funzionalità di localizzazione con l’intento di migliorare l’esperienza degli utenti, come “mappe personalizzate, consigli basati sui luoghi che hai visitato, aiuti per trovare il tuo telefono, aggiornamenti sul traffico in tempo reale sul tragitto giornaliero e altri annunci utili“.

Google Database “SensorVault” aiuta la polizia a risolvere i crimini

Ma ciò di cui molte persone non sono a conoscenza è che Google aiuta anche le autorità federali statunitensi a identificare i sospettati di crimini condividendo la cronologia delle posizioni di tutti i dispositivi che sono passati attraverso le scene del crimine in un determinato periodo di tempo.

Va precisato che Google non condivide le informazioni personali di tutti gli utenti vicini; al contrario, chiede alla polizia di analizzare innanzitutto la cronologia delle posizioni di tutti gli utenti e riduce i risultati a pochi soggetti selezionati per ricevere i loro nomi, indirizzi email e altri dati personali.

Un nuovo approfondito rapporto del New York Times ha rivelato che Google mantiene da dieci anni un database, noto internamente come Sensorvault, contenente informazioni dettagliate sulla posizione di centinaia di milioni di telefoni in tutto il mondo e condivide con le autorità statunitensi i mandati per aiutare nei casi criminali.

SensorVault: 180 richieste ogni 7 giorni

Secondo alcuni dipendenti di Google non nominati nel rapporto, le richieste di accesso al database Sensorvault di Google sono aumentate negli ultimi sei mesi, con l’azienda che ha ricevuto fino a 180 richieste in una sola settimana.

Come si utilizza il database Google SensorVault?

Per accedere ai dati relativi all’ubicazione, le forze dell’ordine devono ottenere un cosiddetto mandato “geofence”.

Ad esempio, ecco ciò che accade solitamente:

  • Le autorità contattano Google con un mandato “geofence” alla ricerca di smartphone che Google ha registrato nei pressi di una scena del crimine.
  • Dopo aver ricevuto il mandato, Google raccoglie le informazioni sulla posizione dal suo database Sensorvault e le invia agli investigatori, con ogni dispositivo identificato da un codice ID anonimo, senza diffondere l’identità dei proprietari dei dispositivi.
  • Gli investigatori quindi esaminano i dati, cercano i modelli dei dispositivi vicino alla scena del crimine e richiedono ulteriori dati sulla posizione dei dispositivi che sembrano rilevanti per vedere il particolare movimento del dispositivo.
  • Quando gli investigatori riducono i risultati a pochi dispositivi che pensano possano appartenere a sospetti o testimoni, Google rivela il vero nome, l’indirizzo email e altri dati associati ai dispositivi.

Il rapporto del NYT ha svelato l’intero processo quando agenti federali richiesero i dati relativi alla posizione per indagare su una serie di attentati attorno ad Austin, in Texas.

SensorVault: tecnica utilizzata per la prima volta nel 2016

Gli agenti federali hanno utilizzato per la prima volta questa tecnica di cattura dei criminali nel 2016, che da allora è stata diffusa nei dipartimenti locali in tutti gli Stati Uniti.

La tecnica ha dimostrato di funzionare, tuttavia non è un metodo infallibile per catturare i criminali.

Falsi positivi

Alcuni casi evidenziati dal rapporto NYT hanno mostrato come la polizia abbia usato questi dati per accusare persone che in realtà erano innocenti, come ad esempio un uomo imprigionato per una settimana a seguito di un’indagine per omicidio, dopo essere stato registrato vicino al luogo dell’uccisione (l’uomo è stato poi rilasciato dopo che gli investigatori hanno individuato e arrestato un altro sospetto).

Le implicazioni del database di Google

Non sorprende che le forze dell’ordine cerchino aiuto dalle aziende tecnologiche durante le indagini penali, ma l’uso di database di cronologia delle posizioni come Sensorvault ha sollevato preoccupazioni sulla privacy degli utenti e della raccolta dei dati.

Cosa ne pensi? Interessato a un’analisi del rischio fisico-informatico? Chiedi supporto a Noi Sicurezza:

CHIEDI INFORMAZIONI
Condividi:

Seguici, non perdere nessun articolo!

Articoli recenti

Archivi

Categorie

Piervittorio Allevi Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *